Guida fotografica su macrofotografia insetti fiori

Autore Informazioni Tags Condividi la guida
avatar
artu
Scritta il 11-02-13 09:09
Vista: 861 volte
Voti ricevuti: 16
Valutazione:
macrofotografia

insetti

fiori

Guida Vota la guida

Premetto che questa non vuole essere una vera e propria guida fotografica ma semplicemente una esposizione di esperienze personali fatte nel settore e di qualche nozione acquisita, con la speranza che possano essere d'aiuto a chi vuole avvicinarsi a questa branchia della fotografia.

La soluzione migliore è quella di dotarsi di obbiettivi specifici per tali foto: una focale adatta a tale scopo può anche essere una focale attorno a 50 mm. che può andar benissimo per i fiori (che, salvo alcuni casi, non hanno piccolissime dimensioni) ma diventa troppo corta per gli insetti (che sono normalmente molto piccoli) e per i quali quindi sarebbe meglio orientarsi su una focale compresa tra i 100 ed i 150 mm. e che siano molto luminosi (apertura massima del diaframma almeno f. 2,8; )naturalmente la focale più lunga va benissimo in entrambi i casi.

In commercio, per le focali più lunghe, esistono sia ottiche fisse che tele, ma ritengo che sia meglio orientarsi su un'ottica fissa che permette una maggiore qualità d'immagine.

Altra soluzione, per chi non intende spendere molto e particolarmente utile per la focale di 50 mm e per gli insetti. è quella di dotarsi di "lenti addizionali" normamelme chiamate "close-up" e di costo non eccessivo, da applicare davanti all'obbiettivo ingrandendo così il soggetto sul fotogramma.

Tali lenti, normalmente vendute in confezione da 3 lenti (+1 - +2 - +4) possono anche essere usate insieme (avvitandone una davanti all'altra davanti all'obbiettivo) per aumentare il potere macro; tali lenti hanno il vantaggio di non ridurre la luminosità, come invece succede per i tubi di prolunga ed i soffietti (altri articoli specifici sui quali però non approfondisco perchè non li conosco):  per contro però si ha un leggero abbassamento della qualità d'immagiine, i risultati comunque sono più che soddisfacevoli.

Molto importante è anche lo sfondo che è la parte che deve risaltare bene il soggetto; visto che in diversi casi in natura lo sfondo è normalmente molto vicino al soggetto e può presentare degli elementi di disturbo (rametti, fili d'erba rinsecchiti, ecc.)  pur scattando con un diaframma molto aperto per avere una sfocatura dello sfondo, questo non risulta abbastanza sfocato e quindi piacevole; una buona soluzione di costo bassissimo è quella di dotarsi di cartoncini di diverso colore da posizionare abbastanza lontani dal soggetto per ottenere uno sfondo uniforme e molto piacevole; preciso comunque che questo paragrafo è più indirizzato sui fiori che non per gli insetti, per i quali sarebbe molto difficile posizionare il cartoncino senza che l'insetto voli via.

Per gli insetti purtroppo c'è solo da cercare o che siano in una posizione con uno sfondo abbastanza lontano o che lo sfondo sia già piacevole di per se; per chi invece ha qualche nozione di post-produzione si può ricorrere a Photoshop utilizzando la seguente procedura: selezionare il soggetto, invertire la selezione che va quindi ad interessare lo sfondo ed applicare il filtro "sfocatura > controllo sfocatura" regolandolo secondo il proprio gusto.